Home / Blog / Come le stampanti Epson a ricarica di inchiostro cambieranno il mercato delle cartucce per stampanti

Come le stampanti Epson a ricarica di inchiostro cambieranno il mercato delle cartucce per stampanti

Abbiamo un rapporto con le stampanti a getto d’inchiostro fatto di amore e di risentimento. Stampano i nostri report, i fogli di calcolo, le presentazioni e le foto in bellissimi colori, ma ad un costo enorme in forma di cartucce di inchiostro . Le stampanti stesse possono essere a buon mercato, gli apparecchi usa e getta  possono essere facilmente sostituiti, ma due serie di inchiostri costano tanto quanto la stampante e diventano via via più costose come le pagine che passano. hp-deskjet-gt-5820-04Le cartucce, per lo più progettate per essere utilizzati una volta e poi andare direttamente in  discarica quasi senza suggerimenti da parte delle aziende di stampa di ciò che si potrebbe  fare con loro. Grazie al cielo esistono le aziende terze parti  di ricarica, che permettono il riutilizzo di queste cartucce . Ma questo potrebbe presto cambiare, almeno per quanto riguarda i modelli di stampanti più attuali e più recenti.

Le ricariche di inchiostro sono alternative molto più convenienti dell’acquisto di costosi inchiostri inkjet. Gli acquirenti corrono il rischio di invalidare la garanzia della loro stampante utilizzando queste ricariche e  gli inchiostri non sempre sono certificati per l’uso con queste stampanti.   La qualità di stampa magari non è esatta, ma siamo vicini agli originali. Molte persone usano ricariche per motivi economici. Possono sostituire la stampante dopo dieci o più set di ricariche. Le aziende di stampa sono costantemente in guerra con i re-filler attraverso vari modi. Come ha fatte recentemente  HP  con gli  aggiornamenti del firmware,

Ma, come sempre,  i rigeneratori  riescono ad aggirare questi problemi e combattere  come 123Inkt che prevede una soluzione per l’attuale problema di firmware-chip.  Con i serbatoi  di inchiostro, le vendite di inchiostri originali  i produttori di stampanti sono costretti ad affrontare la musica e combattere i produttori di inchiostri  al loro stesso gioco. Il primo a farlo è stato Epson con la loro linea L-X00 di stampanti. Per combattere le ricariche in bottiglia  ogni bottiglia Epson ha un codice seriale da inserire  durante le ricariche. La L-X00, tuttavia, era vittima di diversi problemi, come molti prodotti di prima generazione. La Epson L-X10 e la serie L-X20 sono significativamente migliori. La Brother  ha seguito l’esempio con ricariche in bottiglia e in seguito anche  HP e Canon.

Questa nuova flessibilità però ha un prezzo. Le stampanti a serbatoio di inchiostro costano da tre a quattro volte le  getto d’inchiostro a cartucce per coprire la perdita di entrate derivanti dalla vendita delle cartucce  . Le bottiglie di serbatoio d’inchiostro  dei produttori costano meno delle cartucce di inchiostro (non sempre ) , ma hanno durata di vita molto più lunghe. Ma questo non ferma produttori di inchiostri in bottiglia di terze parti. Il vantaggio dei serbatoi d’inchiostro originali e delle bottiglie d’inchiostro è che gli utenti non devono preoccuparsi  delle  garanzie di degradazione della stampante a causa della mancata corrispondenza chimica e della qualità di stampa. Devono solo preoccuparsi della sostituzione della testina di stampa e del tampone di inchiostro. Ma anche qui i rigeneratori sono pronti.

Il caro prezzo di queste stampanti richiede ancora l’esistenza del mercato delle stampanti a basso costo e le loro cartucce costose per gli utenti domestici non-così-pesanti, continuando così il rapporto di amore-odio dei produttori di stampanti e kit di cartucce di terze parti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top